Il Documento sulla fratellanza umana: Un nuovo orizzonte per il dialogo islamo-cristiano?

Lunedì 8 aprile alle ore 18.00 si è tenuta una sessione del Forum Islam-Cristianesimo dal titolo ‘Il Documento sulla fratellanza umana: Un nuovo orizzonte per il dialogo islamo-cristiano?’, organizzata dal Centro Studi Interreligiosi della Gregoriana e dal Pontificio Istituto di Studi Arabi e d’Islamistica (PISAI). Il tema del forum riguardava il documento firmato congiuntamente da Papa Francesco e dal Grande Imam di al-Azhar Ahmad al-Tayyib lo scorso 4 febbraio ad Abu Dhabi, e la questione della sua ricezione.
Il confronto, moderato da don Valentino Cottini, ex preside del PISAI, è stato avviato dal teologo musulmano Adnane Mokrani, professore del PISAI, che ha evidenziato come il documento sia “nato in uno stato di emergenza, dove ci sono tante guerre e conflitti”. Mokrani ha messo in luce alcuni degli aspetti del documento, come la questione del pluralismo, sulla quale lo stesso Papa Francesco è tornato ad esprimersi nel corso dell’udienza generale di mercoledì scorso, e quella della cittadinanza piena, “culmine e sintesi di tutti i valori”.
Padre Laurent Basanese, SJ, Direttore del Centro Studi Interreligiosi, ha esposto una rassegna delle reazioni al documento di Abu Dhabi in alcuni paesi musulmani, sottolineando le difficoltà che sono emerse anche in campo cristiano.

Sul tema il Centro Studi Interreligiosi e il PISAI hanno deciso di costituire un Gruppo di ricerca PLURIEL congiunto che avrà come referenti i due direttori delle rispettive istituzioni.

Il Pisai

Galleria

Newsletter

Inserisci la tua email Inserisci correttamente la tua email nl server errror Accettare la privacy policy
Grazie

Bacheca