Global Compact on Education

Per educare un bambino ci vuole un intero villaggio”. Un proverbio africano è lo slogan scelto da Papa Francesco per lanciare il Global Compact on Education, un patto educativo globale, che sarà sottoscritto il 15 ottobre 2020, in Vaticano, da rappresentanti delle principali religioni, esponenti di organismi internazionali e istituzioni umanitarie, membri del mondo accademico, economico, politico e culturale.

Il Santo Padre ha incaricato la Congregazione per l’Educazione Cattolica di fare appello a quanti hanno a cuore l’educazione delle giovani generazioni, per coinvolgerli nel patto, che ciascuno di essi si impegnerà ad attuare nel proprio ambito e diffondere il più possibile. La Congregazione è l’organismo della Santa Sede a cui fanno riferimento, nel mondo, 216 mila scuole e 1750 università cattoliche.

Nella serie di eventi preparatori  il PISAI ha organizzato il 24 febbraio 2020, in collaborazione con la Pontificia Università Gregoriana (Centro “Cardinal Bea” per gli Studi Giudaici e Centro Studi Interreligiosi), una giornata di studio intitolata “Educare a un’umanità più fraterna: il contributo delle religioni”.
Sette relatori in rappresentanza di sette diverse tradizioni religiose (cattolicesimo, ebraismo, islam, induismo, buddismo, confucianesimo e religioni tradizionali africane) hanno animato una tavola rotonda sul tema: 
Quali sono le risorse della propria tradizione religiosa per costruire una fraternità universale?

Giornata di studio: Educare a un’umanità più fraterna: il contributo delle religioni
Locandina
Programma

Bacheca